di Deejay

Il volantinaggio no-vax davanti all’ospedale di Padova

A chi le ha intervistate di fronte all’ospedale di Padova, hanno precisato di non essere no-vax ma di essere per la libertà di scelta, tentennando però davanti alla giornalista del Mattino di Padova che le stava intervistando. Si sono presentate di fronte all’azienda ospedaliera per distribuire volantini del “Movimento 3V”, delle quale sono volontarie. I volantini riguardano la campagna #IoNonMiVaccinoPerché, che già dal nome sembra aver poco a che vedere con l’affermazione della “libertà di scelta” ma un chiaro invito a boicottare i vaccini.Questi i punti della loro campagna, tratti direttamente dal loro sito e recitati dalle due volontarie di fronte alla giornalista. In realtà il volantino contiene solo 10 di questi 15 punti tratti dal sito. Dunque, “Io non mi vaccino perché”:

1. Perché non sono una cavia
2. Perché potrei comunque ammalarmi
3. Perché potrei comunque infettare gli altri
4. Perché potrei diffondere varianti più pericolose del virus
5. Perché non si conoscono reali statistiche sul virus, ma solo quelle basate su tamponi inaffidabili
6. Perché esistono cure efficaci per il Covid
7. Perché faccio prevenzione primaria
8. Perché non si conoscono gli effetti collaterali a medio e lungo termine del vaccino
9. Perché gli effetti collaterali potrebbero comprendere la morte
10. Perché le case farmaceutiche non si assumono nessuna responsabilità
11. Perché nessun farmaco a mRNA è mai stato utilizzato prima al mondo
12. Perché rifiuto di iniettare DNA estraneo nel mio corpo
13. Perché in Italia non si fa di regola farmacovigilanza attiva
14. Perché senza saperlo potrei essere già immune
15. Perché non ricevo le informazioni legalmente necessarie per la scelta

Vi proponiamo il video dell’intervista, tratto dal canale YouTube del Mattino di Padova (qui il link).

i