di Deejay

“Vai a casa!” e secchio d’acqua rovesciato su una farmacista che stava tornando a casa dal lavoro

Le restrizioni imposte dall’emergenza Coronavirus stanno, evidentemente, giocando brutti scherzi su molte persone. Si stanno moltiplicando segnalazioni su casi di intolleranza verso persone che si trovavano fuori casa per leciti motivi. In questo caso parliamo di Antonia Grimaldi, una farmacista salernitana che ha postato su facebook la sua brutta esperienza. Il caso, ripreso anche da Il Fatto Quotidiano, è si è verificato circa un mese fa.

Buongiorno a tutti, mi rivolgo alla persona che l’altro giorno mi ha buttato un secchio di acqua addosso per farmi andare a casa… mentre stavo organizzando,davanti alla farmacia ,la disinfezione dei locali lavorativi. Ed anche alla signora che ieri sera ha urlato contro me e mia sorella che tornavamo dal lavoro con le nostre biciclette ,ovviamente distanziate:“Andate a casa!”…alle 20,40.
Come ci piacerebbe stare a casa, poterci proteggere di più!
Invece il nostro ruolo è quello di aiutare ,con il nostro lavoro di farmaciste ,la salute pubblica. Cerchiamo di dare il massimo con passione e dedizione. Ma abitiamo distanti dalla farmacia e dobbiamo pur tornare a casa!
Lo facciamo con la bicicletta evitando di pedalare sotto i balconi per paura che qualcuno ci possa colpire pensando che siamo due irresponsabili. Come è capitato a noi ,sarà capitato ad altri che ,come noi ,lavorano per l’utenza e per i beni essenziali.
Andrà tutto bene… vero , meglio rimanere a casa… per tutti coloro che possono. Forza e coraggio!Passerà!Abbiamo già avuto epidemie , in passato non c’erano tanti mezzi per curare… oggi ne abbiamo tanti di più ma quello più importante è quello del buon senso.
Un saluto a tutti.
Antonia Grimaldi

Buongiorno a tutti, mi rivolgo alla persona che l’altro giorno mi ha buttato un secchio di acqua addosso per farmi…

Gepostet von Farmacia Grimaldi am Freitag, 20. März 2020

Come sempre, ripetiamo: restiamo a casa e restiamo calmi!

i