di Deejay

Sondaggio EMG: “Se ci fosse il vaccino, Lei lo farebbe?” – Il 21% dice NO

Ci chiediamo spesso quanto i no-vax che imperversano nei social possano discostarsi in percentuale da un campione davvero rappresentativo della popolazione.

EMG ha diffuso i risultati di un suo sondaggio riguardante un ipotetico vaccino contro il Coronavirus.

“Se ci fosse il vaccino, Lei lo farebbe?”

  • Sì: 63%
  • No: 21%
  • Non risponde: 16%

 

Non solo: la percentuale dei No aumenta sensibilmente con la domanda riguardante l’obbligatorietà del vaccino:

“Se ci fosse il vaccino, secondo Lei dovrebbe essere obbligatorio?”

  • Sì: 54%
  • No: 33%
  • Non risponde: 13%

Sono sincero: a guardare i commenti nei social, pensavo che i no-vax fossero diventati una percentuale ancora più grande. Fortunatamente esiste ancora una cosiddetta “maggioranza silenziosa”. Da questo punto di vista, il risultato potrebbe risultare quasi confortante. Questo è, diciamo, il bicchiere mezzo pieno.

Andando invece a guardare il bicchiere mezzo vuoto, sapere che più di un quinto della popolazione è convintamente no-vax, non è certo una bella notizia. Se poi guardiamo anche a quel 16% che non risponde, considerando che una parte degli indecisi  è come se avessero risposto “No, ma in giallo”, il dato appare ancora più sconfortante.

Considerando inoltre che, allo stato attuale, il vaccino sarebbe l’unica arma efficace per poterci permettere di tornare davvero alla piena normalità, quella che ci permetterebbe di liberarci delle mascherine, di poterci abbracciare, di poter ballare, di cantare a un concerto, di affollare una piazza, è davvero incomprensibile un atteggiamento così masochista di buona parte della popolazione.

All’inizio dell’emergenza Covid sembrava che il fronte no-vax si fosse addirittura sfaldato, tanto che in molti (noi compresi) avevano intravisto almeno la magra consolazione di un rovescio della medaglia positivo. Col passare delle settimane, invece, le cose sembrano addirittura essere peggiorate rispetto al periodo pre-covid.

 

 

 

 

 

i