di Deejay

Quelli che nel 2021 sono ancora fissati con le scie chimiche

La bufala delle scie chimiche (o “comiche” per gli amici) è una delle più longeve teorie del complotto che ultimamente, a dire il vero, era stata un po’ messa da parte in favore delle più moderne tesi riguardanti il Covid-19, il 5G, Bill Gates, Soros e compagnia cantante. Nonostante ciò, possiamo osservare come ancora esista e resista un cospicuo gruppo di complottisti “irriducibili” e nostalgici che pare non vogliano arrendersi all’idea di veder passare di moda uno dei complotti mondiali più conosciuti, il cavallo di battaglia complottaro per antonomasia.

“è da anni che ci sono le scie chimiche. Ci stanno avvelenando dalla terra al cielo. Quando ci sveglieremo dal nostro letargo, e lo capiremo, sarà troppo tardi.”

Ecco un album fotografico che dovrebbe “dimostrare” l’esistenza del complotto per spargere scie chimiche letali sulla nostra testa, documentando l’esistenza dei serbatoi all’interno degli aerei preposti allo scopo. Il tutto col compiacimento di Angela Merkel e dei Poteri Forti in generale, che non guasta mai. In realtà è già stato spiegato più volte, che i serbatoi all’interno degli aeromobili servono a sostituire il peso dei passeggeri durante i test di stabilità. Cosa ci faceva Angela Merkel all’interno di un aereo pieno di bidoni sospetti? La cancelliera tedesca stava visitando l’interno di un Airbus 350 e la foto risale addirittura al 20 maggio 2014! Una foto che è stata pubblicata nel sito del governo tedesco. Insomma, mica male per un complotto che avrebbe dovuto rimanere segreto, no? Ma ai complottisti non la si fa così facilmente. Loro sanno, loro sì che si informano, altro che voi pecoroni schiavi del sistema! Ecco a voi alcuni commenti che hanno accompagnato questo post:

 

i