di Deejay

Quelli che “100 anni fa la seconda ondata fece 50 milioni di morti perché si erano vaccinati” (con un vaccino che non c’era)

Tra le varie bufale legate al Coronavirus, ce n’è una che fa riferimento all’influenza spagnola di un secolo fa, la cui seconda ondata fu ancora più terribile della prima, mietendo milioni di vittime in tutto il mondo. Per i complottisti, il fatto che gli esperti ipotizzino una seconda ondata di Covid, è la prova provata e inequivocabile che la seconda ondata sia stata pianificata da qualcuno (come la prima).

Allora, Coronavirus: l’Oms ha detto, “si sta comportando come la Spagnola: andò giù in estate e tornò in autunno con 50 MILIONI DI MORTI, ma l’OMS NON vi DICE che quei 50 MILIONI DI MORTI, morirono dopo essersi VACCINATI

Non solo: i complottisti affermano che la seconda ondata fu peggiore della prima proprio perché nel frattempo milioni di persone si erano vaccinate, e che fu proprio il vaccino la causa di quelle morti. Peccato che cento anni fa non esistesse alcun vaccino contro l’influenza, in quanto i primi vaccini contro l’influenza furono sperimentati quasi vent’anni dopo. In particolare, il primo vaccino contro l’influenza venne prodotto in Unione Sovietica nel 1936.

Davvero incredibili questi vaccini: hanno pure la capacità di viaggiare nel tempo!

Al complottista medio, tuttavia, tutto ciò non interessa: come sempre lui è il più sveglio di tutti e noi stiamo tutti dormendo.

 

i