di Deejay

Pubblicare le foto di presunti trasgressori è stupido, inutile e si rischia pure grosso

Non accennano a placarsi le polemiche nei confronti dei “furbetti” che violano le restrizioni mettendo a repentaglio la salute pubblica, ma che soprattutto rischiano di vanificare gli sforzi dell’intera collettività.

Non mancano nemmeno le polemiche sui cosiddetti “Sceriffi del web” che, oltre a diffondere il giusto invito a rimanere a casa, talvolta esagerano commettendo delle azioni inutili e potenzialmente dannose. Per gli altri, ma anche per loro stessi.

Perché è inopportuno divulgare delle foto, magari scattate a perfetti sconosciuti?

Perché potrebbero essere delle persone che si trovano in strada per un  motivo che non sta a noi decidere se sia lecito o meno. Se poi sono persone che conosciamo e ravvisiamo una palese violazione delle norme, riteniamo che il social non sia il mezzo giusto per denunciare la cosa. Diverse sono le segnalazioni riguardanti persone che sono state messe alla gogna senza alcun motivo, perché erano uscite di casa lecitamente. Per esempio: alpini che stavano consegnando le mascherine alla popolazione o genitori con bambini autistici a passeggio.

Alcuni alpini stanno consegnando delle mascherine. alla popolazione. Qualcuno dice di chiamare i vigili. Tra l’altro,se proprio proprio, non ce lo hai un telefono per chiamarli tu?

 

Perché è stupido e inutile pubblicarle?

Perché esistono le Forze dell’Ordine e le autorità locali coi inviare le segnalazioni. Quale utilità potrà mai avere il lamentarsi sui social?

Perché è pericoloso?

Perché chi è stato messo alla gogna mediatica, tramite la pubblicazione di una o più foto che lo riguardano, potrà sporgere querela per diffamazione, coinvolgendo non solo l’autore del post, ma anche coloro che lo hanno commentato, magari indignandosi e insultando il soggetto del post.

Il consiglio che sentiamo di darvi è questo: prima di combinare un pasticcio che può danneggiare gli altri e voi stessi, pensateci non una ma dieci volte!

Detto questo, restiamo calmi e restiamo a casa!

i