di Deejay

Povia prende le distanze dai negazionisti (che non la prendono bene)

Il cantante Giuseppe Povia, indicato da molti giornali come uno dei principali protagonisti della manifestazione negazionista in programma sabato 5 settembre 2020 a Roma, non solo ha fatto sapere che non ci sarà, ma ha anche minacciato querela nei confronti di chi ne ha diffuso la notizia:

Per la millesima volta: NON CI SARÒ. MI MERAVIGLIO DEI GIORNALI.

Non potrei mai andare in piazza con chi crede che il covid è stato inventato da Bill Gates e Anthony Fauci per controllarci con 5g, gps, big pharma e qualche alieno. (cit. Robert Kennedy), fa già ridere così. Un conto è contestare, denunciare e DOCUMENTARE cose che esistono come Ue, euro, utero in affitto, immigrazìa, debito pubblico in mano a stranieri, multinazionali che hanno più potere degli Stati, Mes, Recovery fund, trattati europei, governi tecnici che obbediscono a Bruxelles dove c’è un parlamento europeo che non può far cadere il governo europeo, come invece potrebbe fare ogni parlamento eletto dal popolo e tanti altri temi che mi appassionano, ma quando sento stupidate che non stanno in cielo e in terra (anche gli alieni ridono), allora devo prendere le distanze. Quando leggo: PV1A TI ZEI VENDUTO!1 TLGO IL LAIK!1, NN TI ZEGUIRO PIU!1 penso che sta gente soffra di cretinismo di rete. Ma questi hanno mai comprato un mio disco e capito davvero quello che canto? Io dico no. Non solo devono starmi lontano ma vorrei che sapessero che sistema e antisistema sono uguali, fanno leva sulla paura. I primi per un virus e i secondi sul potere occulto. In mezzo ci sto io che sto bene attento a quello che vado ad argomentare. Ciao scemi.

Nel disco ‘imperfetto’ ci saranno brani simili a ‘chi comanda il mondo’, che di certo non parla di rettiliani, transumani e pandemie create da Bill Gates.
Aiutate la musica SANA e libera, prenotatelo a giuseppepovia@vodafone.it

ps Bigpharma vive e guadagna tranquillamente anche senza vaccino, basta entrare in una farmacia.

In un post successivo ha ribadito la sua posizione, aggiungendo di essere intenzionato anche a sporgere querela:

COMINCIO A QUERELARE, PRIMA O POI DOVEVO INIZIARE A FARLO.

Non è possibile, sono giorni che smentisco che sarò in una manifestazione dove credono che il covid sia stato creato da Bill Gates, topolino e qualche alieno per controllarci col 5g e il gps (cit R.Kennedy) e sono giorni che continuano a mettere il mio nome. Lo fanno apposta? Devo cominciare a querelare non tanto per i danni all’immagine ma perchè col covid non scherzo e non la vivo alla leggera come molti, che stavolta hanno preso un abbaglio e fanno perdere credibilità anche a chi come me canta temi importanti, con cognizione e documentazione. È proprio vero, sistema e antisistema sono facce della stessa medaglia, fanno leva sul terrore e sul panico, i primi per il covid e i secondi per un potere alieno che se l’è inventato. Ma il venduto sarei io.. magaaari mi facessero una bella offerta!

Nel frattempo, visto che sono venduto, torno in cantina ad autoprodurmi un disco con le mie sole forze, sperando che qualcuno di voi (che ancora usa il cervello) mi aiuti a continuare ad essere un cantautore libero da sistema e antisistema. Prenotatelo a giuseppepovia@vodafone.it e per avermi a rimborso spese in concerto di presentazione disco da ottobre a marzo in posti al chiuso: 348.7623972

Questi post hanno provocato piacevole stupore tra le fila dei suoi detrattori, ma come prevedibile ha anche scatenato la reazione indignata di molti dei suoi follower, che non l’hanno presa affatto bene:

Per la millesima volta: NON CI SARÒ. MI MERAVIGLIO DEI GIORNALI.Non potrei mai andare in piazza con chi crede che il…

Gepostet von Giuseppe Povia am Donnerstag, 3. September 2020

COMINCIO A QUERELARE, PRIMA O POI DOVEVO INIZIARE A FARLO.Non è possibile, sono giorni che smentisco che sarò in una…

Gepostet von Giuseppe Povia am Freitag, 4. September 2020

i