Volley, Conegliano campione grazie a Egonu: la giocatrice viene definita “chiaramente colorata”

commento egonu

Il Conegliano è campione del mondo di volley femminile grazie anche alla splendida performance della giocatrice Egonu, che ha affondato l’Eczacibasi e che ha fatto vincere il titolo alle venete. La finale del Mondiale per club si è tenuta in Cina contro la squadra turca Eczacibasi VitrA Istanbul. Grande festa per questa vittoria azzurra, che ha avuto parecchia risonanza anche a livello mediatico. La Repubblica ha deciso di scrivere un pezzi titolando: “Volley, donne: Egonu affonda l’Eczacibasi, Conegliano campione del mondo“.

commento egonu
commento egonu

Onore a Egonu, quindi, che ha segnato da sola 33 punti su 87. Condiviso sui social, questo articolo ha collezionato una serie di commenti e sicuramente non poteva mancare quello dell’AF di turno. Vediamo come manifestare perfettamente la stupidità umana, la prova del perché questa persona ha un corpo ma non un cervello.

Commentare la vittoria del Conegliano Volley per dare aria alla bocca: la giocatrice di colore non può essere italiana

commento egonu
Commento Egonu

Dovrebbe esserci solo gioia data la vittoria delle nostre ragazze, ma non tutti la pensano così. Non può mancare il classico commento dell’analfabeta funzionale di turno che rimarca il colore della pelle della ragazza con un’intenzione precisa; la Egonu ha la carnagione scura e, secondo l’AF, visto che il giornale la esalta penalizzando la squadra, avrebbe potuto giocare da sola. La Egonu sola contro tutti, esaltata perché nera di carnagione e che non può assolutamente essere italiana. Fortunatamente interviene una persona comune che accende l’interruttore del cervello e che fa prontamente notare all’AF che dovrebbe esprimersi nella nostra lingua madre – quella che la Egonu conosce molto meglio di lui essendo italiana a tutti gli effetti poiché nata in Italia. E vista la qualità di espressione del commento il suggerimento va oltre: fatti aiutare da qualcuno che abbia terminato la scuola dell’obbligo (come tu, evidentemente, non hai fatto. N.d.R).

i