di Deejay

Merano: l’assembramento in piazza contro i vaccini e il 5G

Non solo Pappalardo: sabato 30 maggio 2020, in Piazza Della Rena a Merano, si è tenuta una manifestazione di centinaia di persone che hanno protestato contro i vaccini e il 5G. Il festival complottista altoatesino è stato documentato dell’articolo del quotidiano Il Dolomiti e dalla foto gallery del quotidiano Alto Adige, che potete consultare cliccando sui rispettivi link.

La manifestazione pare essersi svolta senza rispettare le norme di distanziamento sociale, tant’è che a un certo punto è andato in scena anche un girotondo, tenendosi tutti per mano. Numerosi i temi trattati, con tanto di slogan e cartelli, che vanno dal no ai vaccini, al no al 5G, al minimizzare la gravità del coronavirus, a slogan contro l’aborto.

Dall’articolo de “Il Dolomiti“:

La manifestazione è stata organizzata da “Frei-Netz Südtirol”, che tradotto suona come Rete libera dell’Alto Adige, al grido di “non affrontate ciò che vi viene incontro con la paura, ma con la speranza” sono state circa 200 le persone che sono scese in piazza per protestare contro i vaccini, il 5g ma anche contro le restrizioni imposte dall’emergenza coronavirus. Benché in un primo momento il comune di Merano non avesse autorizzato l’assembramento pare che il via libera sia arrivato direttamente da Bolzano.

Un risvolto positivo della vicenda, del tutto inaspettato coi tempi che corrono, è stata la quantità di commenti critici sotto il post del giornale che ha riportato la notizia. Sono stati pochissimi, infatti, i commenti a favore della manifestazione:

Qualcuno ha precisato che non fosse una manifestazione No-Vax ma a favore “della libertà di vaccinazione”. Un espediente cui ci hanno abituati da anni.

 

i