“Mascherine e bici gratis agli immigrati!!!1” Magari si stavano semplicemente recando al lavoro, ma ai leoni da tastiera non interessa.

Mascherine e bici agli immigrati, l’AF tipo al tempo del Coronavirus. Lo ammettiamo, questa volta non era facile inserire il post in una categoria specifica.

Questa quarantena sta davvero portando a galla la créme degli AF in Italia. Dalla comunicazione sporcata e rimaneggiata dai non addetti ai lavori, ai messaggi audio che creano allarmismo fino, ahi-noi, alla pubblica diffamazione delle persone che risultano positive al Covid-19.

Prediche infinite, guerriglie social e flashmob hanno riempito questi primi giorni di quarantena. Eppure sentivamo che qualcosa mancava, ma cosa? Ma gli immigrati, naturalmente! Chi altro? Oppure semplicemente le persone di colore, perché non è nemmeno detto che siano immigrati.

Una persona ha ben pensato di fotografare un gruppo di avventori di colore in sella a delle biciclette e che indossavano le mascherine, per poi postarla su Facebook. E la privacy? E chissene frega! Tanto, tutto è concesso al tempo del Covid-19. (Non è vero, stiamo facendo ironia, la legge italiana, i codici civile e penale sono ancora in vigore).

Certo è che nessuno dei commentatori ha contemplato l’ipotesi che le persone immortalate nello scatto potessero essere dei semplici lavoratori, per esempio.

 

 

Ad aprire le danze sono stati i commenti gomblottisti1!1! Mascherine e bici agli immigrati, è il nuovo spunto di argomentazione di tendenza. Perchè? Perché ha tutto: l’attualità, l’odio mai diminuito verso lo straniero, il gomblottismo e la credenza di poter fare meglio degli altri, di essere nel giusto sempre. Ah, non dimentichiamo, è una fake news!

…ma prevalentemente odio generalizzato e razzismo:

 

Non sai se quello che leggi sia realtà o finzione? Cerca la notizia su siti attendibili e, soprattutto, guarda sul sito Bufale.net

 

 

i