Luigi Di Maio introduce i distributori di gratta e vinci nelle scuole. Gli Analfabeti Funzionali condividono a raffica

Ancora una burla dalla pagina non ufficiale del ministro Luigi Di Maio. E, come per le precedenti, gli Analfabeti Funzionali ci cascano come pere cotte. Il post in questione stavolta recita: “Mi trovo all’interno del primo istituto scolastico in cui abbiamo attivato i primissimi distributori di Gratta e Vinci (con tagli inferiori ai 5 €). Il bambino della foto, Alessio, ha appena vinto 10 € semplicemente grattando un Gratta e Vinci da 1 €. Siamo però convinti che il gioco dovesse essere responsabile, pertanto ribadiamo la nostra proposta di utilizzare i proventi per le opere di manutenzione all’interno delle scuole, in modo che il gioco potrebbe essere produttivo e coinvolgente per gli stessi studenti, che pertanto vedessero ristrutturato l’istituto scolastico anche grazie a loro stessi.”

Come già precisato in altri articoli, si tratta della pagina Luigi Di Majo dove l’autore ha prontamente specificato che si tratta di una pagina non ufficiale. Il titolo è visibile e capeggia in bella mostra. Perché gli analfabeti Funzionali, nonostante questo, credono biecamente a quanto leggono? In psicologia, questa cosa la chiamerebbero bias di conferma, ossia la tendenza di alcune persone a muoversi solo all’interno delle proprie convinzioni.

Ed è forse questo il motivo per cui gli Analfabeti riescono sempre a strapparci un sorriso divertito con i loro commenti:

i