L’inchiesta dei Nas sulle scie chimiche. La vittoria delle convinzioni degli Analfabeti Funzionali. Ma è una bufala

Sembra proprio che per gli Analfabeti Funzionali non ci sia mai una gioia. Anche quando le ricerche su Google sembrebbero confermare tutto, ecco che esce fuori la bufala.Come quella dello spargimento dei virus nell’aria da parte di ipotetiche multinazionali al fine di vendere vaccini alla popolazione.

Sarebbe stato il triplete dell’Analfabeta Funzionale: vaccini, scie chimiche, complotto.

Il post riporta il seguente titolo: “Spargere virus per vendere vaccini. L’inchiesta dei Nas. L’Italia sembra uno snodo fondamentale del traffico dei virus. L’indagine è stata aperta dalle autorità americane e portata avanti dai carabinieri del Nas”.

Andando a leggere l’articolo, risalta subito il fatto che si tratta di un copia e incolla di un articolo dell’Espresso risalente al lontano 2014 dal titolo “Il business segreto della vendita dei virus che coinvolge aziende e trafficanti“. In pratica, l’indagine da parte nei Nas c’è stata davvero, ma tutti gli imputati vennero prosciolti nel 2016 perché il fatto non sussisteva. Di conseguenza, nessuno oggi sparge virus con lo scopo di arricchirsi, né in Italia né altrove.

E’ la solita tecnica di prendere una vecchia notizia, copiarla di sana pianta e ricontestualizzarla su una di queste tante pagine Facebook dove l’Analfabetismo Funzionale è di casa. Ed i risultati sono questi:

i