di Claudio

La protesta di “Sinistra”, fa volare le vendite del libro di Salvini (almeno a vedere i commenti)

Siamo in un periodo molto “caldo” in vista delle elezioni europee di Maggio. Fra un pupazzo di Zorro che sparisce e un selfie trappola, il ministro Matteo Salvini non ha pace e viene preso di mira anche tramite i libri che lo riguardano.

Altaforte Edizioni è stata al centro di molte discussioni in merito al “Salone del Libro” di Torino sopratutto perché pubblica il libro su Matteo Salvini, ora disponibile per la vendita:

Quello che però stupisce è che, almeno a giudicare dai commenti,  tutte le critiche che vengono rivolte al libro e al suo protagonista stanno facendo volare le vendite presso i suoi sostenitori solo per il gusto di “farli rosikare”, come viene spesso commentato:

  • Non conoscevo minimamente l’editore ma vedere i sinistrati che strepitano come ossessi mi ha convinto a prendere sicuramente questo libro e a vedere cosa pubblicano d’altro. Se il sinistrato sclera è cosa buona‚
  • Primo in classifica e deve ancora, uscire, stai a vedere che i sinistri sono strateghi del marketing, impazziranno male
  • Al salone del libro di Torino è arrivata la censura nei confronti del libro dell’editore Altaforte in quanto ritenuto vicino a Casapound.
    Ecco un esempio inquietante di quando l’antifascismo militante diventa fascismo nei fatti.
    Speriamo che il passo successivo non sia mandare al rogo i libri che non piacciono come facevano in Germania negli anni Trenta del secolo scorso!
    Guarda caso il libro è su #Salvini!
    La reazione miglioreè andare ad acquistare il libro #IoStoConSalvini #controlacensura
  • Vedere i commenti deliranti dei sinistrati, è esilarante! Stanno schiattando 🤣🤣🤣
  • Stanno tutti sclerando. Non conoscevo l’editore e comperare questo libro non era tra le mie imminenti priorità ma l’ho acquistato con piacere. Penso che la casa editrice non soffrirà di sicuro di poco ritorno economico. Tutti dovremmo acquistare il libro . Ricordiamo che chi si permette di osteggiare l’uscita di un libro mina la democrazia e non è sicuramente più giustificato di chi mise i libri al rogo. Di chi ha incendiato biblioteche e tanto altro.
  • IO non capisco perché indignarsi del libro di Salvini quando una certa Greta “ambientalista” ha fatto pubblicare un suo libro fatto di carta (alberi) !!!!!!!!
    E la cosa che mi dispiace che è una bambina strumentalizzata per soldi….quindi …che senso ha indignarsi per Salvini che ha fatto e continua a fare il suo lavoro ???
  • Acquistato su Amazon…
    Alla faccia di: sinistri, Pdioti, accoglioni vari ed affini…!
  • Lo compro subito… alla faccia della censura di ste ****** loro non si indignano e nn censurano chi scrive e pubblica libri sulle brigate rosse o su Battisti (un assassino che ha ammesso le sue colpe)… Non è giusto estromettere, non promuovere idee o libri che siano diversi dal pensiero unico della sinistra si cadrebbe subito in una dittatura KOMUNISTA E QUESTO NON È DEMOCRATICO.

 

i