di Deejay

I pericolosi deliri di chi vede il 5G anche dove non c’è – Il post e i commenti

Continuano a segnalarci di post sempre più assurdi e deliranti da parte di complottisti talmente fissati col 5G da vedere impianti 5G anche dove non ci sono. In questo caso, il post è stato pure scritto da uno scrittore con alle spalle diverse pubblicazioni (non scientifiche, strano) e che non nomineremo.

Ha pubblicato un mini album fotografico con delle didascalie, una più grottesca dell’altra.

“COLAO NON HA PERSO TEMPO
Mentre tutti stavano rintanati e tremebondi agli arresti domiciliari (c’è i’ virusse, c’è i’ virusse…) i nostri mandriani e affiliati si davano da fare. Antenne massicce sono sorte come funghi con le reti relative che si estendono in modo capillare.
Qui siamo a Prato dove si sperimenta fino a dicembre 2021 la nuova tecnologia. L’antenna principale (massive MIMO) sorge come si vede a 100 metri dalla scuola elementare e da qui si diffonde con wi.fi (small cells) da lampione a lampione in ogni edificio, in ogni abitazione. In periferia sorgono le video camere per il riconoscimento facciale. E’ la green economy mandria! (i dettagli nelle singole foto)”

 

“I dettagli nelle singole foto”, ha detto. Ok, andiamo a vedere questi dettagli, riportando pari pari la descrizione di ogni foto:

 

“L’antenna principale, Massive MIMO (Multiple input Multiple Output) contiene centinaia di trasmittenti unidirezionali per onde millimetriche (1 -10 millimetri per 24 – 300 miliardi di cicli/secondo) capaci di veicolare grandi quantità di dati ma solo su brevi distanze (60-100 metri). Sullo sfondo tra i pini ad appena 100 metri la scuola del quartiere.”

Si tratta invece di una normale postazione 4G, del 5G non vi è traccia alcuna.

“Infatti proprio a partire dalla scuola inizia la rete dei mini trasmettitori (small cells) una per ogni lampione che ritrasmettono i segnali.”

Vecchi lampioni con delle scatole da cui partono dei fili, che sono probabilmente delle scatole di derivazione, che diventano dei pericolosi mini trasmettitori (small celles).

 

“Le small cells portano le onde millimetriche in ogni edificio connettendo tra loro fino un milione di apparecchiature per chilometro quadrato (cellulari, frigo, televisori, ebeti vaccinati COVID con nanoparticelle inserite nella carne) e danni biologici incommensurabili.”

 

Ancora con le “small cells”. Fate attenzione voi ebeti vaccinati COVID! E ancora:

“La rete si dipana su ambedue i lati della strada per chilometri perché nessun topo possa sfuggire alla trappola.Per la cronaca: nessun pirla ha alzato la testa e si è chiesto lo scopo di queste scatolette e cavi volanti sorte all’improvviso…”

 

“Video cam per il riconoscimento facciale puntate nelle due diverse direzioni, poste in un bosco sulla strada che collega due comuni. Non le scansano neppure i topi…”

Certo, chiamarle “videocamere di sorveglianza” pareva brutto. Vuoi mettere: “video cam per il riconoscimento facciale”?

 

E i commenti? Più di qualcuno invita a incendiare tutto. L’autore del post se ne compiace pure! Tenetevi forte!

Poi vedi, a volte, il caso: coincidenze? Eh?

 

 

 

i