di Deejay

I gruppi di protesta che si trasformano in covi di No-Vax, complottisti e diffusori di bufale

I tempi dettati dal Governo Conte per affrontare la “Fase 2” sono stati definiti, da molti, eccessivamente lunghi.

In effetti, ci sono centinaia di migliaia di attività costrette da mesi alla chiusura forzata, per cui è normale che la rabbia e la voglia di protestare siano più che comprensibili.

Succede però che alcuni gruppi facebook nati per raccogliere le istanze degli imprenditori e dei lavoratori delusi, si trasformino in un agglomerato di post che poco hanno a che vedere con lo scopo iniziale per i quali sono stati creati.

Entrando in alcuni dei gruppi in questione, infatti, ci si può imbattere in una moltitudine di post che poco hanno a che fare con la protesta: si va dal complottismo, all’antivaccinismo, fino a imbattersi in palesi fake news.

Ne abbiamo analizzato uno in particolare, non per simpatie o antipatie specifiche, ma a titolo esemplificativo. Il gruppo in questione, oltretutto, è moderato, quindi c’è pure un amministratore che decide se approvare o meno i post.

Siamo entrati in questo gruppo e abbiamo trovato questi post, quasi uno dietro l’altro, poi ci siamo fermati:

 

i