La situazione è…grammatica: si parla male e sui social si scrive pure peggio

grammatica

L’italiano medio ha problemi grossi con la grammatica. Statistiche e ricerche effettuate da professori, docenti e linguisti parlano di una vera e propria lingua martoriata, con errori grossolani commessi sia quando si parla che quando si scrive.

Le disattenzioni e i refusi sono un conto, ma non aver interiorizzato norme della grammatica base risalenti alle scuole elementari è ben altra cosa. E lo si evince chiaramente sui social, che hanno purtroppo fatto sì che la scrittura diventasse sempre più sciatta e scorretta, con abbreviazioni e veri e propri Orrori, più che Errori.

Quella della rete è una lingua molto vicina al parlato, certo, ma se l’italiano medio che frequenta assiduamente i social ha problemi a parlare in italiano corretto, con l’italiano scritto non è che se la cavi poi meglio. Anzi, la situazione peggiora parecchio. La punteggiatura è un optional, gli accenti sono facoltativi, il congiuntivo è morto e gli apostrofi non godono proprio di ottima salute. Basta fare un giro veloce su Facebook per accorgersene…

Il cosiddetto analfabeta funzionale è facilmente individuabile sia attraverso il suo modo di scrivere che attraverso i concetti che veicola, diventando inevitabilmente il facile “bersaglio” di commenti e sfottò di ogni tipo.

I commenti

La traduzione dall’anafabetafunzionalese all’italiano grammaticalmente corretto suona più o meno così:

Amici miei, sono andata a controllo dalla nutrizionista, mi ha premiato e ora posso mangiare un po’ di Nutella. Era da 5 mesi che non la mangiavo, ma guardavo soltanto ma non la aprivo. Ora peso 63 Kg, sono contenta, la differenza si vede di anno in anno. Il segreto della mia dieta è mangiare tutto, ma pesando le giuste quantità. Ho fatto un enorme sacrificio a stare attenta a tavola, ma ci sono riuscita grazie anche alla dottoressa. Voglio precisare una cosa: ho mangiato sacrificandomi, ma senza assumere pillole. Un bacio.

commenti grammatica

 

 

 

i