Il giustiziere che massacra il migrante, l’eroe per caso di tutti gli Analfabeti Funzionali

Il portale Daily-Screen.com riporta la seguente notizia come la più attuale delle breaking news: “RAPALLO (GENOVA) – Tre italiani di 24, 36 e 38 anni sono indagati per il tentato omicidio del cittadino marocchino di 39 anni massacrato di botte sul lungomare di Rapallo. Secondo quanto confessato dai tre ai Carabinieri, avrebbero aggredito l’uomo perché colpevole di molestie nei confronti di una giovane ragazza. Il marocchino, venditore abusivo di merce contraffatta, avrebbe molestato una ragazza.

Sembra la versione per Analfabeti Funzionali del recente remake di Eli Roth “Il giustiziere della notte”. Un bravo ragazzo vede la propria ragazza palpeggiata da un cattivo marocchino venditore di merce contraffatta. Il bravo ragazzo, portatore di sani valori, non può tollerare tale malfatta e, insieme ad un gruppo di tenaci eroi pescati tra i suoi amici, decide di farsi giustizia da solo. L’onore della donna è salvo ma i tre impavidi dovranno adesso rispondere davanti alla legge delle loro azioni. Non importa, il bene della comunità è stato fatto.

Tutto molto bello, quasi un sogno per gli Analfabeti Funzionali, la storia perfetta da raccontare ai nipotini, come un fiaba prima di andara a dormire. Il problema è che la notizia è davvero meno attendibile della più fantasiosa delle fiabe. Tradotto, si tratta di una bufala.

Questa “notizia” circola dal 2012 in diverse salse. Il primo a pubblicarla è stato Blitz Quotidiano, ora offline. In rete non si trovano riscontri da nessuna parte. La notizia è stata inventata di sana pianta sfruttando gli stereotipi tanto cari agli Analfabeti Funzionali.

E le loro reazioni non tardano ad arrivare:

i