di Deejay

Formigli e l’immunologa Viola deridono le discoteche. Uno scivolone evitabile [Fuori Tema]

Un articolo fuori tema rispetto al nostro target di riferimento (leggasi: in questo articolo NON parleremo di analfabetismo funzionale), per parlare di un episodio verificatosi durante la puntata di Piazza Pulita, su La7, giovedì 16 aprile 2020.

Si parla, come sempre di Coronavirus, della pianificazione delle fasi successive al lockdown e a tutti i rischi che la ripartenza potrà comportare.

Nel video che troverete in fondo all’articolo, in collegamento Skype ci sono alcuni rappresentanti di categorie lavorative. Tra gli ospiti c’è anche la Dottoressa Antonella Viola  (Immunologa presso l’Università di Padova)
Ad un certo punto, quando tra le varie categorie vengono menzionate anche le discoteche, sia Formigli che la Dottoressa Viola iniziano a irridere il settore, pure con una certa insistenza.

Formigli, dopo aver interrotto l’interlocutore e dopo aver chiesto di inquadrare la Dottoressa Viola che sta ridendo:

“Facendo questo scenario lei guardi sempre la Viola, così capisce quando si deve fermare”

Una caduta di stile che, a nostro avviso, poteva essere evitata. Nelle nostre pagine abbiamo già affrontato l’argomento parlando di quei lavori che sembrano più inutili di altri e di come sia inopportuno, specie in questo momento, creare gerarchie e contrapposizioni, nonché infierire su situazioni lavorative difficili, talvolta drammatiche. Esistono lavori più nobili di altri? Per molti sì, basti guardare commenti come questo:

Sull’argomento è intervenuto (forse troppo) duramente anche Flavio Briatore, con questo video

 

Ci auguriamo che sia Corrado Formigli che la Dottoressa Viola, che sono due indiscussi e stimati professionisti, abbiano l’intenzione di tornare ad esprimersi su quanto accaduto. Vogliamo pensare che non fosse realmente loro intenzione deridere un’intera categoria e che si sia trattato solo di una gaffe.

AGGIORNAMENTO DEL 23/04/2020: La Dottoressa Viola, tramite facebook, ha così risposto e precisato:

So che ci sono persone che lavorano nel settore del turismo che si sono sentite offese a causa di una situazione che si è creata in un programma televisivo. Non mi va di alimentare le polemiche ed ho taciuto finora proprio per questo ma una precisazione devo farla. Durante l’intervista agli operatori del settore che parlavano di riapertura dei locali, il conduttore ha chiesto di inquadrarmi perchè voleva che io esprimessi un giudizio negativo. Io ho risposto con un sorriso che significava esattamente il contrario di quanto è stato riportato e cioè che nel ruolo della maestra cattiva non ci volevo stare e me ne tiravo fuori e che anzi simpatizzavo con gli operatori (che infatti hanno tutti risposto al mio sorriso sorridendo). Era un tacere e sorridere per solidarietà, certamente non per scherno (e perchè mai poi?). La mia intenzione si può vedere anche attraverso un post che ho caricato il giorno dopo la trasmissione, prima di sapere della polemica: “Ieri sera non ho avuto modo di commentare il discorso delle spiagge (hanno mandato la pubblicità e chiuso il collegamento). Mi sembra assurdo che non si riesca in un mese e mezzo di tempo che abbiamo prima dell’estate a fare un piano organizzativo che permetta la riapertura degli stabilimenti in sicurezza. Probabilmente si dovrà rinunciare a tante cose, ma non si può tenere chiusi gli stabilimenti fino all’estate 2021! Sarebbe assurdo!!” Ecco questo è quello che avrei detto se fosse stato possibile e questo è quello che ho detto in altre interviste successive. Quindi cari amici del turismo, dei lidi, dei locali vi assicuro che da parte mia non c’è mai stato scherno o disprezzo ma solo solidarietà, e ci mancherebbe!
(PS: commento dei miei amici più stretti: Anto, tu che vai contro le discoteche?? Non ti conoscono proprio ).

 

 

Piazza Pulita del 16/04/2020: Formigli e la Dottoressa Viola deridono i lavoratori della notte

Che brutto scivolone: perché deridere così il mondo della notte?Da "Piazza Pulita", LA7, puntata di Giovedì 16 Aprile 2020.In collegamento Skype ci sono alcuni rappresentanti di categorie lavorative. Tra gli ospiti c'è anche la Dottoressa Antonella Viola (Immunologa Università di Padova)Ad un certo punto, quando vengono menzionate le discoteche, sia Formigli che la Dottoressa Viola iniziano a irridere il settore, come se fossimo dei privilegiati che devono solo ringraziare il cielo se abbiamo potuto lavorare fino a febbraio 2020.Cari Formigli e illustrissima Dottoressa Viola, non mettiamo in dubbio la vostra professionalità nei vostri ambiti, né tantomeno esigiamo di creare assembramenti adesso, mettendo a rischio la salute pubblica. Ciò che noi chiediamo è solamente DIGNITA', perché non esistono lavori più nobili di altri. Dietro il mondo della notte ci sono migliaia di lavoratori e lavoratrici, spesso precari e spesso con figli a carico. Siamo stati i primi a doverci fermare e siamo consapevoli del fatto che saremo gli ultimi a tornare in pista, nel vero senso della parola.Aspettando quantomeno delle scuse, vi aspettiamo a emergenza finita per divertirci insieme e festeggiare la fine di quest'incubo.Con stima e rispetto.

Gepostet von Di notte specialmente am Freitag, 17. April 2020

Dalla pagina “Di notte specialmente”

Che brutto scivolone: perché deridere così il mondo della notte?

Da “Piazza Pulita”, LA7, puntata di Giovedì 16 Aprile 2020.

In collegamento Skype ci sono alcuni rappresentanti di categorie lavorative. Tra gli ospiti c’è anche la Dottoressa Antonella Viola (Immunologa Università di Padova)
Ad un certo punto, quando vengono menzionate le discoteche, sia Formigli che la Dottoressa Viola iniziano a irridere il settore, come se fossimo dei privilegiati che devono solo ringraziare il cielo se abbiamo potuto lavorare fino a febbraio 2020.
Cari Formigli e illustrissima Dottoressa Viola, non mettiamo in dubbio la vostra professionalità nei vostri ambiti, né tantomeno esigiamo di creare assembramenti adesso, mettendo a rischio la salute pubblica. Ciò che noi chiediamo è solamente DIGNITA’, perché non esistono lavori più nobili di altri. Dietro il mondo della notte ci sono migliaia di lavoratori e lavoratrici, spesso precari e spesso con figli a carico. Siamo stati i primi a doverci fermare e siamo consapevoli del fatto che saremo gli ultimi a tornare in pista, nel vero senso della parola.
Aspettando quantomeno delle scuse, vi aspettiamo a emergenza finita per divertirci insieme e festeggiare la fine di quest’incubo.

Con stima e rispetto.

i