di Deejay

Dunning-Kruger: ovvero quando pensi di sapere tutto di un argomento che in realtà non conosci affatto

Effetto Dunning-Kruger: ne avete mai sentito parlare? Forse no, ma vi sarà capitato di imbattervi, specie nei social, in persone che pontificano su qualsiasi argomento pur non avendo alcuna competenza del medesimo. Sappiate che questo comportamento ha un nome.

Da Wikipedia:

L’effetto Dunning-Kruger è una distorsione cognitiva a causa della quale individui poco esperti in un campo tendono a sopravvalutare le proprie abilità autovalutandosi, a torto, esperti in quel campo, mentre, per contro, persone davvero competenti tendono a sminuire o sottovalutare la propria reale competenza. Come corollario di questa teoria, spesso gli incompetenti si dimostrano estremamente supponenti.

In questa definizione riconoscete i comportamenti cronici di qualche vostro amico? Probabilmente sì. Fa anche bene a noi stessi, però, leggerne la definizione e chiederci se qualche volta ci sia capitato di parlare di ciò che non sappiamo. La risposta, probabilmente, sarà affermativa. Insomma, chi è senza peccato…

La consapevolezza, tuttavia, è un vantaggio mica da poco, perché chi è troppo stupido difficilmente potrà rendersi conto di essere stupido. Anzi, per lui gli stupidi sono sempre gli altri: quelli che non “aprono la mente”, quelli che sono vittime del mainstream. Ed è per questo che vediamo quotidianamente delle persone che con arroganza si arrogano il diritto di spiegare la medicina ai medici, la matematica ai matematici, l’elettromagnetismo agli esperti di elettronica e telecomunicazioni. E guai a contraddirli, naturalmente. Quando sono messi alle strette, invocano la libertà di espressione, come fosse un valido motivo per costringerti ad accettare che 1+1 fa 5.

Solitamente il loro analfabetismo funzionale va di pari passo con quello classico: fanno gli sboroni scrivendo dei post talmente sgrammaticati da farti venire l’orticaria, anche se non sempre è così: ci sono anche molte persone dotate di un’ottima padronanza della propria lingua.

Una domanda che spesso ci poniamo, è: ci sono sempre stati così tanti stupidi oppure i social hanno avuto il demerito di dar loro visibilità? Una domanda alla quale non ci è possibile rispondere, però una cosa crediamo di poterla affermare con una discreta sicurezza (Dunning-Kruger permettendo): quando gli stupidi incontrano altri stupidi si danno forza l’un l’altro. Se un utente poco razionale naviga in un mondo pieno di fake news, sarà portato a crederci perché “se tutti la pensano così, sarà così.

Del resto, si dice che anche Joseph Goebbels, Ministro della Propaganda del Terzo Reich, lo sapesse benissimo:

“Ripetete una bugia una, dieci, cento, mille volte e diventerà verità”

Sorpresa: anche questa citazione è una bufala! Non c’è evidenza che questa frase sia mai stata pronunciata da Goebbels. Quanti di voi ci sono cascati? Io sì, lo ammetto.

Anche quella citazione, ripetuta una, dieci, cento, mille volte, è diventata una “verità”. Lo vedete come è facile diventare vittima delle proprie convinzioni?

Di quanto enunciato nella definizione di Effetto Dunning-Kruger possiamo trovare traccia anche nella cultura popolare come, ad esempio, questo vecchio detto che i veneti facilmente riconosceranno:

L’intelligente sa poco. L’ignorante sa tanto. Il saggio non sa nulla. El mona sa tutto!

 

i