I commenti misogini al SIMPATICISSIMO accostamento “donna in Erasmus-buco nero”

erasmus

Il sessismo e la misoginia corrono veloce in rete, dove è quotidiano imbattersi in post che si presentano come ironici ma che il più delle volte rivelano una totale ignoranza di fondo. Ignoranza che purtroppo, viene anche appoggiata e spalleggiata da chi commentando rivela una mentalità alquanto retrograda e fuori tempo, considerando che il Medioevo è terminato da un pezzo. Ma vaglielo a spiegare, a chi ancora fa battute sulle donne in Erasmus, che siamo nel 2019.

Eppure certi preconcetti legati alla sessualità femminile ancora persistono, come se di strada non ne fosse stata mai percorsa, come se barriere non fossero mai state abbattute e come se le lotte di chi ci ha preceduto non fossero servite a niente.

Se è vero che l’ironia è un’arma potente è vero anche che la rete tende a distorcere le cose e a modellare certi fenomeni e certi concetti in modo negativo, plasmandoli in una chiave il più delle volte maligna, malevola, meschina.

Perché i leoni da tastiera sono sempre pronti a dire la loro coi soliti toni violenti e aggressivi, che rivelano quanto anche una semplice battuta magari colpevolmente fatta con troppa leggerezza, possa diventare una vera bomba di sessismo e misoginia.

Donna in Erasmus = Donna facile

Andare in Erasmus significa darsi alla pazza gioia e concedersi a destra e a manca. A quanto pare il “simpaticissimo” doppio senso con l’immagine del buco nero fa ancora ridere e scatena il meglio dei luoghi comuni dei sessisti e dei misogini.

commenti erasmus

i