“Condividi la ricetta preferita dei tuoi figli”: l’AF posta gli auguri per il nipote

I social vengono spesso utilizzati per lanciare contest e diffondere hashtag e moltissime volte a farlo sono dei marchi famosi per vendere o pubblicizzare qualcosa. Oggi ci troviamo davanti al contest creato da un famoso marchio di elettrodomestici e non solo. Il post domanda a chi vuole partecipare di condividere una foto o un video della ricetta preferita dei figli per vincere uno dei tre forni a microonde in palio. Le istruzioni sono chiarissime, come vederemo. Ma ovviamente non lo saranno per tutti.

Scrivi “partecipo e autorizzo” per vincere un microonde: ed ecco che compaiono i commenti analfabeti funzionali

commenti analfabeti funzionali
commenti analfabeti funzionali

Chiara la richiesta, giusto? Espressa anche in un italiano corretto. Per riassumere: condividi il video o la foto della ricetta preferita dei tuoi figli realizzata utilizzando il forno a microonde e potrai vincere uno dei tre fornetti messi in palio. Come fare? Aggiungendo nei commenti la foto o il video scrivendo “partecipo e autorizzo” e utilizzando gli hashtag in questione. Facile, lineare, comprensibile a chiunque sappia parlare italiano. A chiunque sappia parlare italiano che non sia però un analfabeta funzionale, specifichiamo.

commenti analfabeti funzionali
commenti analfabeti funzionali

Ed ecco che dopo tutte le raccomandazioni e le istruzioni fornite letteralmente passo dopo passo, arriva lei: “Auguri a mio nipote Nicolas. Il senso di tutto questo? Non ne abbiamo davvero la benché minima idea! E se il suo commento è quello che salta maggiormente all’occhio anche l’ultimo in fondo non manca certo di analfabetismo funzionale. Considerato poi il perfetto esempio nel bel mezzo dello screen i commenti degli AF saltano ancora di più all’occhio. Qual è l’esatto senso dello specificare “Faccio spesso i cornetti bigusto” se non vengono utilizzati gli hashtag né scritta la frase necessaria perché la partecipazione risulti valida come da regolamento? Bella domanda! Un grazie speciale va al colui che ha commentato nel mezzo dimostrando che la lingua italiana non è un optional.

i