Ciclista under 23: “Io in albergo ci vado in bici”, dopo qualche ora risulta disperso

Un ciclista disperso dopo il Giro Under 23, ed è subito panico. È quanto accaduto a Paul Wright dopo la gara a Colico nella provincia di Lecco. Una volta tagliato il traguardo Wright, della squadra Holdsworth-Zappi, di comune accordo con tecnici e staff, ha manifestato la volontà di raggiungere l’albergo con la sua bicicletta ma pochi istanti dopo è risultato disperso.

Durante il tragitto, però, Wright aveva perso la bussola e per questo, nonostante i soli 5 km che separavano il traguardo dall’albergo, ha cominciato a vagare senza meta. I collaboratori, non vedendolo arrivare, hanno cominciato a pensare al peggio specialmente quando è trapelata la notizia di un suo avvistamento in una zona di gallerie. Lo scambio di messaggi e segnalazioni su WhatsApp stava per arrivare al delirio fino al lieto fine: Paul Wright stava bene e mentre calavano le tenebre era fino a Bellano.

Lì il “ciclista disperso” è stato recuperato da un collaboratore e riportato in albergo, dove i compagni e i tecnici hanno tirato un sospiro di sollievo. L’indomani mattina, durante la nuova partenza, Wright è stato oggetto di battute e scherzi da parte degli altri sportivi. Tutto bene, dunque: il ciclista disperso aveva semplicemente perso la strada verso l’albergo a causa della perdita della bussola, quella in dotazione però!

i