di Deejay

5G: quando a fare disinformazione ci si mette pure la stampa

Ogni giorno dobbiamo registrare nuovi casi di politici che, pur di andare incontro alla pancia dei loro cittadini invasati di fake news, firmano ordinanze contro l’installazione di antenne 5G nel loro territorio.

Ci raccomandiamo sempre di diffidare dagli articoli pubblicati da testate non ufficiali, tuttavia anche quelle tradizionali, talvolta, non contribuiscono certo a fare corretta informazione.

Sono sempre più frequenti casi di titoli clickbait di articoli il cui contenuto è molto diverso da un titolo fuorviante, ma ci sono anche casi di pura disinformazione, come nel caso di questo articolo della Nuova Venezia del 9 Aprile 2020,

Allarme antenne 5G in tutto il basso Piave «Muoiono gli uccelli»

L’articolo è a pagamento e non andremo a violarne i diritti, proponendo solo l’anteprima che si vede in chiaro:

 

Spiace davvero constatare come anche la stampa stia iniziando a dare spazio alle assurde teorie delle pseudoscienze. Anche perché, cari giornalisti, i risultati poi sono questi:

 

i