Il video che parla della bufala del migrante in treno fa andare su tutte le furie gli Analfabeti Funzionali


Circola su Facebook questo video fatto da un ragazzo africano in cui si sfoga per le continue false notizie e “bufale” contro i migranti circolanti sul web. Il motivo principale della rabbia dell’autore del video è che la gente condivide tali notizie senza neanche verificarle. Condividere notizie false in cui si dipingono i migranti come dei delinquenti non fa altro che aumentare l’odio verso di loro da parte dell’opinione pubblica. In particolare, il ragazzo si sofferma su un dato agghiacciante: in poche ore, le condivisioni su Facebook del post sul ragazzo senza biglietto sul treno avevano supeato quota settantamila.

Bisogna dire basta a tutto questo. Con il suo linguaggio colorito, l’autore del video si dice stanco e parla a nome di tutta la comunità di colore che vive in Italia. Basta col razzismo, basta con i luoghi comuni, basta con le notizie false.

Un attacco, neanche tanto implicito, agli Analfabeti Funzionali. E questi non tardano a far sentire la loro voce, senza neanche soffermarsi sulla natura o sul senso di quel messaggio. Per loro, un tizio nero che si lamenta degli italiani è sicuramente in errore. Partono immediatamente volgarità, insulti e minacce. Se il tizio nel video voleva sortire un effetto con il suo appello, sicuramente non è stato quello desiderato. Vediamo solo alcuni dei tanti commenti indignati al post:


LEGGI ANCHE  Tre mesi per fare un Governo? Putin in due settimane mette a posto l'Italia

proseguiamo

proseguiamo


proseguiamo

proseguiamo


proseguiamo

proseguiamo


proseguiamo

proseguiamo


proseguiamo

proseguiamo


proseguiamo

proseguiamo


proseguiamo

proseguiamo


proseguiamo

proseguiamo


proseguiamo

proseguiamo

proseguiamo

proseguiamo

proseguiamo

proseguiamo

proseguiamo

proseguiamo

proseguiamo

proseguiamo

proseguiamo

proseguiamo

proseguiamo

proseguiamo

proseguiamo

Tagged , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *