Spaghetti e mozziconi, il pasto preferito dai migranti. E gli Analfabeti Funzionali abboccano alla bufala


Non ci sono davvero più parole per descrivere il candore quasi volterriano degli Analfabeti Funzionali di fronte ad informazioni palesemente false. E’ il caso di un post in cui è fotografato un piatto di spaghetti con alcuni mozziconi spenti al suo interno. Nulla di speciale, roba che si è vista mille volte nei ristoranti. Ma basta una semplice didascalia per modificare significante e significato ed operare la famosa decodifica aberrante di cui ci parlava Umberto Eco. Il testo dice: “Ecco cosa combinano gli immigrati al centro rifiugiati, usano la nostra pasta come posacenere!!!! Insultano gli italiani con questo ignobile gesto!!!! Bisogna farlo sapere a tutti, KONDIVIDI se sei indignato!!!11!“.

Ora, una mente pensante noterebbe subito due cose. La prima: chi mi dice che questo piatto di pasta appartenga ad un migrante? La seconda: ma quel KONDIVIDI con la K e quei punti esclamativi alternati a 1 non sono forse un modo per prendere in giro gli Analfabeti Funzionali?

Ovviamente, questo ragionamento può farlo chi non appartiene alla sopracitata categoria. La foto infatti non appartiene a nessun banchetto tra immigrati ma ad un account Twitter ed è stata pubblicata nel lontano 2016.


Come al solito, Gli Analfabeti Funzionali prendono tutto per vero, senza porsi domande, proprio come una versione 2.0 del Candido di Voltaire. Basta associare la parola “immigrati”, “migranti” o “neri” ad una qualsivoglia immagine et voilà, tutto diventa verosimile se non sacrosanto.

LEGGI ANCHE  Quando l'Analfabetismo Funzionale diventa sciacallaggio

E, come tante pecorelle, belano in coro la loro indignazione:


proseguiamo

proseguiamo


proseguiamo

proseguiamo


proseguiamo

proseguiamo


proseguiamo

proseguiamo


proseguiamo

proseguiamo


proseguiamo

proseguiamo


proseguiamo

proseguiamo


proseguiamo

proseguiamo

proseguiamo

proseguiamo

proseguiamo

proseguiamo

proseguiamo

proseguiamo

proseguiamo

proseguiamo

proseguiamo

Tagged , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *