Razzisti e patrioti. La confusione storica operata dagli Analfabeti Funzionali


In diversi gruppi su Facebook si condivide la raffigurazione di alcuni Alpini durante una guerra di trincea accompagnata dalla didascalia: “Come cambiano i tempi. Prima, chi difendeva il proprio paese dagli invasori era un eroe. Adesso è un razzista”.

Ancora una volta risulta oscura la connessione. In primis, gli Alfabeti Funzionali avrebbero bisogno di rivedere le proprie nozioni storiche. In particolare, le cause scatenanti della Prima e, soprattutto, della Seconda Guerra Mondiale. Ovviamente, sarebbe utile ripassare anche i capitoli sul colonialismo italiano. In quei casi, gli invasori erano proprio i soldati del nostro Paese.

Inoltre, blaterare digitalmente inesattezze e condividerle sul web attraverso i social non è proprio come imbracciare un fucile ed essere mandato a morte certa sul fronte. Gli Analfabeti Funzionali sono spesso a favore delle guerre e dell’esercito, ma scrivono comodamente seduti su un divano ed hanno, in molti casi, superato l’età per la leva militare. In caso di guerra, se la godrebbero dal suddetto divano come guardano le partite di calcio alla tv.


Come diceva il filosofo Bertrand Russel, la guerra è una gioia per chi non è obbligato a partire al fronte. Vomitare razzismo nei commenti ai post non significa essere patrioti. Ma per loro, sì:

proseguiamo


proseguiamo

proseguiamo


proseguiamo

LEGGI ANCHE  Il comune leghista blocca il corso di nuoto per i migranti. E gli Analfabeti Funzionali esultano

proseguiamo


proseguiamo

proseguiamo


proseguiamo

proseguiamo


proseguiamo

Tagged , , , ,

2 thoughts on “Razzisti e patrioti. La confusione storica operata dagli Analfabeti Funzionali

  1. Per maggiore precisione bisogna poi sottolineare che l’immagine, che sembra essere una delle copertine della Domenica del corriere di walter molino, si riferisce evidentemente alla seconda guerra mondiale, come è evidente dall’elmetto M33 che indossano alcuni degli alpini ed è probabilmente riferita alla campagna di russia (i soldati nemici in trincea, sempre per gli elmetti, sembrano russi). Gli invasori eravamo quindi noi e non difendevamo la patria nostra, ma aggredivamo quella altrui, al seguito dell’invasore nazista.

  2. Aggiungerei che l’illustrazione è quella di una scatola di soldatini della ditta atlantic che riproduceva alpini della ii gm, non esattamente un conflitto difensivo…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *