Poveri ma Ricchissimi. Quando Cineblog evita agli utenti di buttare 8 euro al cinema

Non ci sono andati leggeri gli utenti di Cineblog che hanno avuto modo di vedere in streaming uno degli ultimi cinepanettoni made in Italy. Stiamo parlando di Poveri ma Ricchissimi, uno dei film più attesi del Natale ma decisamente poco apprezzato dai suoi spettatori.

La trama è molto semplice: la famiglia Tucci, sempre più ricca e sempre più cafona, ha una passione nuova, la politica. Ai Tucci l’ostentazione del lusso non basta più, hanno capito che la svolta è il potere. E così decidono di indire un referendum che permetta al loro paesino di uscire dall’Italia, dichiararsi Principato indipendente e proporre così nuove leggi.

Si sa, i Cinepanettoni non hanno la pretesa di essere pietre miliari del cinema. Al massimo, possono aspirare a divenire cult tra dieci o vent’anni. Però, anche in quel caso, la trama deve avere un minimo d’intelligenza tale da suscitare qualche sorriso onesto.

E invece, a leggere i commenti, pare che Poveri ma Ricchissimi abbia proprio toppato di brutto:

proseguiamo

proseguiamo

proseguiamo

proseguiamo

proseguiamo

proseguiamo

proseguiamo

proseguiamo

proseguiamo

proseguiamo

proseguiamo

proseguiamo

proseguiamo

proseguiamo

proseguiamo

proseguiamo

proseguiamo

proseguiamo

proseguiamo

 

LEGGI ANCHE  Sinister Squad, la recensioni memorabili dei Barboni che si lamentano pure senza pagare

Leave a Reply