L’Italia è troppo piccola per accogliere tutti i migranti. Ma gli Analfabeti Funzionali non si accorgono di aver sbagliato i calcoli


Uno dei modi per coinvolgere e guidare la mente di un Analfabeta Funzionale è sicuramente quello di creare iperboli. Tradotto: più grossa la si spara, più un Analfabeta Funzionale ci crede. E’ il caso del post di cui parliamo, in cui si vede l’Africa ritagliata da una qualche carta geografica e, al suo interno, evidenziato in rosso, il profilo dell’Italia, il belpaese in bella mostra proprio nel cuore del continente africano.

Come una inoppugnabile sentenza, la didascalia giganteggia con parole semplici ma forti: “Forse così sarà più chiaro il motivo per cui non possiamo accoglierli tutti“.

La piccola Italia inglobata dalla grande Africa. E, nei commenti, c’è anche chi specifica che, in realtà, l’Africa è ancora più grande di così. Forse gli si dovrebbe spiegare che anche l’Italia lo è e che queste sono cartine geografiche in scala. Ma forse sarebbe solo una perdita di tempo.


Dunque, il punto di questa immagine è che non possiamo ospitare tutti gli abitanti dell’Africa. Ad oggi – dati presi da Wikipedia – l’intero continente africano ospita una popolazione di 1,216 miliardi di unità. Tradotto per gli Analfabeti Funzionali, poco più di un miliardo e duecento milioni di persone. Secondo i dati del Ministero dell’Interno, nel 2017 i migranti giunti in Italia sono stati circa 120mila. Così anche nel 2016. Se questa media si mantenesse costante, per “svuotare” l’intero continente africano ci vorrebbero circa 10mila anni. Anche l’età media di un rettiliano non arriva a questi numeri.

LEGGI ANCHE  La "vergonia" di non capire l'ironia

Di conseguenza, il post e l’immagine della piccola Italia e la grande Africa sono più paradossali dei calcoli appena fatti. Ma per gli Analfabeti Funzionali, un’immagine vale più di mille ragionamenti ed ecco spuntare i loro sagaci commenti:


proseguiamo

proseguiamo


proseguiamo

proseguiamo


proseguiamo

proseguiamo


proseguiamo

proseguiamo


proseguiamo

proseguiamo


proseguiamo

proseguiamo


proseguiamo

proseguiamo


proseguiamo

proseguiamo

proseguiamo

proseguiamo

proseguiamo

proseguiamo

proseguiamo

proseguiamo

 

Tagged , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *