“Le armi ad energia diretta stanno distruggendo la Grecia”. Così gli Analfabeti Funzionali spiegano gli incendi di Atene

Sappiamo ormai che l’Analfabeta Funzionale tipo è restio ad accettare fonti ufficiali e sicure per credere invece nelle news del vicino/zia/nonna/amico e affini. La loro seconda fonte di informazione sicura sono i post strampalati su Facebook che, senza alcun riferimento giornalistico, raccontano storie di complotti e cospirazioni ai danni del popolo ignaro, ergendosi a difensori dell’umanità e portatori della sana novella. Chissà perché, gli Analfabeti ci credono ciecamente. L’ultimo di questi doveva per forza riguardare il terribile incendio che sta devastando la Grecia con decine di vittime e danni materiali ancora incalcolabili.

Nel post si vede l’immagine di un non bene identificato macchinario a bordo di quella che sembra una piattaforma militare. Sotto, altre due immagini di auto carbonizzate. A corredare questo ennesimo capolavoro dell’avanguardia social è la seguente didascalia: “Incendi Atene, prove di armi ad energia diretta”.

Ora, sorvolando sull’insensatezza del messaggio – un bambino, a questo punto, poteva attribuire la colpa dell’incendio alla Torcia Umana della Marvel facendo le stesse inferenze dell’autore del post – effettuando una ricerca a proposito delle armi laser (supponiamo siano queste le “armi ad energia diretta”) si trovano solo notizie riguardo a prototipi in fase di sperimentazione o non ancora sperimentati. Armi ipotizzate. Armi in corso di sviluppo. Eppure, secondo alcuni siti cospirazionisti, tali armi sarebbero già nelle mani dell’esercito che le sta usando, per esempio, per radere al suolo la Grecia.

LEGGI ANCHE  Armi per tutti e niente scorta ai politici. Spunti programmatici degli Analfabeti Funzionali

E questo alimenta la fantasia da Analfabeta Funzionale espressa nei commenti:

proseguiamo

proseguiamo

proseguiamo

proseguiamo

proseguiamo

proseguiamo

proseguiamo

proseguiamo

proseguiamo

proseguiamo

proseguiamo

proseguiamo

proseguiamo

proseguiamo

proseguiamo

proseguiamo

Leave a Reply