Home / Analfabetismo funzionale / La vergognosa pubblicità della Durex che offende la maternità. Gli Analfabeti si indignano, ma è l’ennesima bufala

La vergognosa pubblicità della Durex che offende la maternità. Gli Analfabeti si indignano, ma è l’ennesima bufala

Da settembre di quest’anno ha cominciato a girare su Facebook un post con una presunta pubblicità della Durex, multinazionle famosa per la produzione di contraccettivi. Nell’immagine si vede una madre in compagnia delle due figli. La donna è visibilmente afflita oltreché imbrattata da ogni genere di pastello a cera. La sua aria stanca comunica ripensamento e, se abbinata al logo della famosa compagnia di profilattici, può significare una sola cosa: pensateci bene prima di riprodurvi. Uno dei post che accompagna l’immagine recita: “Questa pubblicità insinua che una mamma stanca dei figli si sia pentita di non aver usato il profilattico! Questo quello che ci vedo io. Una mostruosità e uno svilire la famiglia, come se l’avere figli porta ad essere infelici. Il vero problema sono le malattie sessualmente trasmesse da cui difendersi con i profilattici, su cui dovrebbe puntare la durex“.

La notizia è una bufala. Si tratta in realtà di uno scherzo architettato su Instagram da un utente straniero che si diverte a creare post provocatori. Del resto, non si ha traccia di questa pubblicità nè sul sito ufficiale della Durex né sulla pagina Facebook italiana. Si tratta dell’ennesima distorsione del significato operata da chi vuole far leva su pregiudizi e convinzioni di altri utenti per ottenere like e condivisioni e, magari, avvalorare personalissime teorie.

LEGGI ANCHE  Il nigeriano scaglia la prima pietra e gli Analfabeti scatenano il razzismo anche contro i propri connazionali

Ed il riscontro è immediato:

Ti è piaciuto l'articolo?
Puoi sostenerci su Patreon o su PayPal, va bene anche una donazione minima come il costo di una grappa!

About Giuseppe

Check Also

Roberto Burioni, AF tentano di metterlo in difficoltà ma finiscono al tappeto

Se c’è una cosa che il virologo Roberto Burioni sa benissimo è che su Internet devi …

Lascia un commento