Home / Analfabetismo funzionale / Quando la Lira valeva come il Marco tedesco. Ma gli Analfabeti si indignano per una notizia falsa

Quando la Lira valeva come il Marco tedesco. Ma gli Analfabeti si indignano per una notizia falsa

Periodicamente, torna il post del confronto Lira-Marco prima del passaggio alla moneta unica. Il post è un’immagine con fondo blu su cui capeggiano la bandiera italiana e tedesca seguite da questa didascalia: “All’ultimo cambio ufficiale Lire=1,01 Marchi. Con l’entrata dell’Euro Lire 1000 = 0,51 Euro, Marchi 1 = 1 Euro. Anche il più idiota avrebbe capito che qualcosa non andava. Ma i professionisti dell’economia, della politica, delle relazioni internazionali non hanno capito nulla. Ma oggi, dopo aver rovinato un Paese intero, si permettono di dare del dilettante agli altri“.

Ora, non sappiamo cosa si voglia intendere con “dare del dilettante agli altri”. Di sicuro possiamo dire che la stima fatta dall’autore del post riguardo la conversione del Marco in Euro è inesatta. E’ chiaramente spiegato sul sito antibufala Butac.it in questo stralcio: “Quando si decise il cambio euro-lira-marco, il marco tedesco valeva circa 990 lire. Per avere 1 euro, i tedeschi cambiarono 1,955 marchi, e cioè quasi 2 marchi. Il concetto è che prima dell’Euro, i loro stipendi erano più alti dei nostri. Ma questo agli anti euro non dobbiamo farlo sapere perché era tutto un complotto, vero?”.

Dunque, il problema dell’Italia è un altro e sicuramente non ha niente a che fare con spericolate e privilegiate conversioni della moneta tedesca. Secondo voi, gli Analfabeti hanno fatto una ricerca su Google prima di commentare? Valutate da soli:

LEGGI ANCHE  Le nuove (false) dichiarazioni di Macron contro l'Italia che indignano gli Analfabeti Funzionali

Ti è piaciuto l'articolo?
Puoi sostenerci su Patreon o su PayPal, va bene anche una donazione minima come il costo di una grappa!

About Giuseppe

Check Also

Roberto Burioni, AF tentano di metterlo in difficoltà ma finiscono al tappeto

Se c’è una cosa che il virologo Roberto Burioni sa benissimo è che su Internet devi …

Lascia un commento