Gli Indignati invitano i musulmani “di” andare a pregare a casa loro

La pagina ufficiale del noto sito Fanpage pubblica un video accompagnato dalla seguente dicitura: “Ramadan, centinaia di musulmani pregano in piazza del Plebiscito. Alcuni degli immigrati che questa mattina hanno protestato in piazza del Plebiscito per ottenere un accesso più facilitato al permesso di soggiorno (ma più in generale per l’uguaglianza e per i loro diritti), alle 12.59 si sono inginocchiati e, rivolti verso la Mecca, si sono raccolti in preghiera. Per la comunità musulmana è un periodo particolarmente importante, dal momento che lo scorso 16 maggio è cominciato il Ramadan.”

Sempre all’interno del post, le immagini vengono definite di “grande impatto emotivo”. Al di là dunque di qualsiasi motivazione ideologica, l’articolo si concentra sulla forza delle immagini capaci di trasmettere il forte sentimento di fede di migliaia di persone.

Purtroppo, il video diventa preda dei soliti Indignati da tastiera, che nell’atto di preghiera vedono l’ennesima, barbara provocazione alla cultura occidentale. Non sono pochi, infatti, ad esortarli a tornare a casa loro per pregare, offrendo così una nuova declinazione della più famosa “aiutiamoli a casa loro”. Cosa si nasconde davvero nella mente di un Indignato e quali sentimenti vi albergano? I commenti danno un’idea abbastanza chiara:

LEGGI ANCHE  "è il concetto che conta", Gli analfabeti funzionali cadono per la quarta volta nella Bufala sulla Boldrini

Leave a Reply

LIKE SE NON SEI UN ANALFABETA FUNZIONALE

Se lo sei non leggerai questo avviso .