Giovane migrante muore per denutrizione, ma per l’Analfabeta Funzionale non è una tragedia

Un giovane eritreo di 24 anni è morto nell’ospedale di Modica per denutrizione, dopo essere sbarcato in Italia da pochi giorni. Le sue condizioni erano disperate: fortemente debilitato per mancanza di cibo, si sospetta anche una malattia tubercolare.

Prima di morire, il giovane Segen – questo era il suo nome – è riuscito a raccontare degli ultimi mesi vissuti in un centro di detenzione in Libia, dove le botte e le vessazioni superavano di gran lunga i rifornimenti di cibo.

Segen eraè arrivato in Italia con un gommone insieme ad altri migranti, molti dei quali in condizioni molto simili alle sue.

Sarebbe inutile a questo punto qualsiasi sottolineatura che, di fronte ad una tragedia umana così grande, diverrebbe quasi didascalica. Inutile rimarcare che nel 2018 c’è gente che muore ancora di fame. Inutile perdersi in una inutile retorica. I fatti parlano da soli.

A volte, però, lo sciacallaggio verbale non ha confini e riesce a trasformare una vicenda del genere in un ring dove scontrarsi per gettare opinioni di bassa lega e operare le solite commistioni tipiche degli Analfabeti Funzionali.

Proprio questi ultimi decidono di commentare il post della notizia pubblicata da La Stampa sulla sua pagina ufficiale di Facebook. Oltre agli indifferenti, ci sono i soliti paladini dell’ovvio (nessuno parla degli italiani che muoiono di fame) e i veri e propri sciacalli che esultano per la fine dell’immigrato.

LEGGI ANCHE  Torna la bufala su Cécile Kyenge che lascia l'Italia, stavolta però scappa col malloppo

Abbiamo raccolto alcuni di questi commenti, che potrebbero far scuola ai futuri Analfabeti Funzionali:

Leave a Reply

LIKE SE NON SEI UN ANALFABETA FUNZIONALE

Se lo sei non leggerai questo avviso .