Home / Analfabetismo funzionale / Francesca Renzi, la portaborse cugina di Matteo Renzi che guadagna 23mila euro al mese, indigna gli Analfabeti Funzionali

Francesca Renzi, la portaborse cugina di Matteo Renzi che guadagna 23mila euro al mese, indigna gli Analfabeti Funzionali

Si tratta di un post condiviso verso la metà di febbraio e diventato presto virale. Nella foto è ritratta una ragazza con una didascalia: “Questa è Francesca Renzi, cugina di Matteo Renzi. Assunta come portaborse a senato, guadagna 23mila euro al mese! Se sei insignato anche tu, condividi!”

Partono le condivisioni a raffica. C’è chi si lamenta della malapolitica, chi dice di non arrivare a fine mese e chi quei soldi li vede in due anni di lavoro.

Ovviamente, si tratta di una bufala, ma l’origine della stessa ha dell’incredibile. A differenza di post simili (Di Caprio che diventa un senza tetto sotto la neve, 50cent un immigrato condannato da Putin) il cui intento è volutamente satirico o tendenzioso, qui invece non c’era alcuna volontà, da parte dell’autore del post, di attrarre like e condivisioni. Si tratta di una semplice burla fatta da un ragazzo alla sua fidanzata. Il post era stato inizialmente condiviso sulle loro bacheche per poi finire davanti agli occhi di qualche Analfabeta Funzionale che, senza pensarci su due volte, ha fatto partire l’ondata di indignazione.

In poco tempo, l’ignara ragazza è diventata oggetto di offese e attacchi da parte di migliaia di utenti. Per fortuna, la bufala è stata svelata anche da organi di stampa ufficiali, ma ancora oggi c’è chi condivide credendo alla storia della cugina di Matteo Renzi:

LEGGI ANCHE  Putin parla di ONG e si conferma l'eroe degli Analfabeti Funzionali, ma il video è un fake

 

Ti è piaciuto l'articolo?
Puoi sostenerci su Patreon o su PayPal, va bene anche una donazione minima come il costo di una grappa!

About Giuseppe

Check Also

Roberto Burioni, AF tentano di metterlo in difficoltà ma finiscono al tappeto

Se c’è una cosa che il virologo Roberto Burioni sa benissimo è che su Internet devi …

Lascia un commento