Decreto dignità e stop alle pubblicità sulle scommesse. Ma per gli Analfabeti Funzionali si tratta di rendere il gioco d’azzardo illegale

La pagina Facebook ufficiale di Ansa.it condivide la seguente notizia: “Decreto dignità, stop alla pubblicità delle scommesse. L’ira dei gestori“. Aprendo l’articolo, si legge: “Stop alla pubblicità di scommesse e giochi con premi in denaro. Il decreto dignità voluto dal ministro Luigi Di Maio parla chiaro: l’azzardo non potrà più essere sponsorizzato in alcun modo, dalle magliette delle squadre di serie A fino ai giornali o alle riviste specializzate. Addio dunque ai testimonial vip che negli ultimi anni hanno invaso televisioni e cartelloni pubblicitari strizzando l’occhio a scommesse o videolottery. Un provvedimento che ha però fatto infuriare l’intero settore dei giochi, che lancia l’allarme occupazione: <<Ci sono migliaia di posti di lavoro a rischio>>.”

Dunque, lamentele da parte dei gestori dei giochi d’azzardo che vedono il rischio di perdere il business. Un po’ com’era successo con il divieto delle pubblicità per le sigarette che hanno avuto il merito di “criminalizzare” il fumo e sensibilizzare le persone verso questo problema.

Sicuramente meno gente fuma ma comunque c’è ancora un pubblico ampio per le multinazionali del tabacco. Stessa cosa per il gioco d’azzardo. E’ probabile che molti giocatori smettano di buttar soldi nelle slot, forse quelli incalliti continueranno a farlo. Insomma, è un primo passo per risolvere il problema della ludopatia che, in Italia, ha spesso rovinato intere famiglie.

LEGGI ANCHE  Un gelataio e un eremita comunista al governo. Le scottanti verità degli analfabeti funzionali

Il lato comico è che molti utenti non hanno compreso la natura del provvedimento e pensano che lo Stato abbia intenzione di chiudere tutte le sale giochi, una specie di proibizionismo del terzo millennio. Ed ecco i commenti:

Leave a Reply

LIKE SE NON SEI UN ANALFABETA FUNZIONALE

Se lo sei non leggerai questo avviso .