Home / Analfabetismo funzionale / Il bufalaro dei gilet gialli: alcuni gridano “Finalmente uno coi co***oni!”

Il bufalaro dei gilet gialli: alcuni gridano “Finalmente uno coi co***oni!”

Il nuovo bufalaro che si cala in tutti i ruoli attinti dai trend dei social è tornato con un video in cui si cala nei panni di un italiano unitosi alle proteste dei gilet gialli in Francia:

 

Perché continuano a chiamarlo genio?

Sappiamo tutti che questo tizio assume varie identità e non si rende neppure credibile. Basta dire che dopo aver affermato di trovarsi in Francia, gli scappa un: “qui in Italia i telegiornali non lo dicono”. Ciò che ignoriamo è come si fa a dire che questi personaggi siano geni, quando è dai tempi di Cristo che il genio è qualcuno che innova o che mostra del talento spiccato, non che diffonde bufale alla quale abboccano anche pericolosamente gli indinniati. Chi diffonde bufale non ha del genionon ha del talento, tranne se parliamo di satira, che con le bufale c’entra come i cavoli a merenda (ma anche a colazione, dai, sono fuori luogo).

Gilet gialli

Questa volta, dopo aver vestito i panni di un pilota, di un politico e di un cuoco, il fenomeno si trasforma in Carlo Cozzi, manifestante italiano che in Francia è sceso in piazza assieme ai gilet gialli, i manifestanti che si sono mobilitati contro il rincaro del carburante e contro Emmanuel Macron, deciso dal governo per contrastare le emissioni di CO2. Il bufalaro ha così cavalcato l’ondata di condivisioni web per calarsi nella parte di un manifestante italiano e invitare l’Italia a fare altrettanto perché “in Francia le accise sono state ridotte a 0”.

LEGGI ANCHE  Il post della Lorenzin sui Vaccini attira gli analfabeti funzionali

I commenti

Oltre ai vari utenti che lo hanno invitato a smettere di diffondere video falsi, non sono mancati coloro che invece lo hanno ritenuto autentico. In primis, troviamo quelli che dopo aver visionato il video si scagliano contro gli italiani:

Non manca, ovviamente, il commento che mette in mezzo il PD, scritto con tutte le iniziali maiuscole e i classici orrori ortografici, conditi con il classico ki ti paka?:

Arriva, poi, un acceso confronto scatenato dall’analfabeta funzionale più deliberato, quello che tira fuori la parola “buonisti” e “governo comunista” (Comunista? Un governo a trazione M5S e Lega?):

Alcuni AF tra i più arguti sospettano che in realtà il tizio faccia l’idiota per non svelare la sua identità, ma che in realtà stia facendo un vero e proprio servizio a favore degli italiani:

Poi c’è quello definitivo:

Ragazzi, se continuate a fidarvi di tutto ciò che passa in rete finirete sempre sui nostri schermi. Se a voi basta, a noi avanza.

Ti è piaciuto l'articolo?
Puoi sostenerci su Patreon o su PayPal, va bene anche una donazione minima come il costo di una grappa!

About Redazione

Check Also

Roberto Burioni, AF tentano di metterlo in difficoltà ma finiscono al tappeto

Se c’è una cosa che il virologo Roberto Burioni sa benissimo è che su Internet devi …

Lascia un commento