Home / Recensioni Memorabili / Box Office, la prima pellicola italiana in 3D che sarebbe meglio bruciare

Box Office, la prima pellicola italiana in 3D che sarebbe meglio bruciare

Ezio Greggio torna al cinema per dirigere, dopo Il Silenzio dei Prosciutti, un nuovo film parodia. Stavolta si tratta di Box Office – Il film dei film, che non ottiene né successo di pubblico ai botteghini, né recensioni positive su CB01.

La trama è il solito coacervo del film parodia. Il professor di simbologia Frank Strong è sulle tracce della temibile setta Lacryma Christi. Accompagnato da Liz Salamander, hacker famosa in tutto il mondo per aver scoperto lo scambio di messaggi amorosi tra il papa e il suo assistente, si ritrova ad affrontare numerose e strampalate avventure.

Tra gli utenti, c’è chi si ferma al trailer e chi non va oltre i primi venti minuti. Altri sperano nella distruzione della pellicola. Questi i commenti più cattivi:

LEGGI ANCHE  Dopo l’omeopatia, arriva l’urinoterapia. Quando alle recensioni memorabili si accompagna l’analfabetismo funzionale
Ti è piaciuto l'articolo?
Puoi sostenerci su Patreon o su PayPal, va bene anche una donazione minima come il costo di una grappa!

About Giuseppe

Check Also

Systor 1-136 slot Duplicatore SD / microSD, l’apparecchio che presto gareggerà al posto della Ferrari

In vendita su Amazon un economico duplicatore di micro SD alla modica cifra di 15.995 …

Lascia un commento