Home / Analfabetismo funzionale / Anche Freddie Mercury contro l’abolizione dei vitalizi e si candida a nuovo nemico degli Analfabeti Funzionali

Anche Freddie Mercury contro l’abolizione dei vitalizi e si candida a nuovo nemico degli Analfabeti Funzionali

La pagina Facebook Non Cielo Dicono pubblica il seguente post: “VITALIZI SHOC! QUESTI SIGNORE SI CHIAMA F. MERCURIO HA 40 ANNI , EX PARLAMENTARE DELLA SINISTRA E AVVOCATO , HA DECISO DI FARE UN MAXI RICORSO VERSO IL MOVIMENTO 5 STELLE CONTO LABOLIZIONE DEI VITALIZI!! HA DETTO :“ MA CHI SI CREDE FICO AD ABBASSARE LE PENSIONI A NOI LAVORATORI ONESTI?” CONDIVIDI QUESTA VERGOGNA VERGOGNOSA!!!“.

Non ci vuole una grande fantasia per capire che F. Mercurio sia un chiaro riferimento a Freddie Mercury, indimenticato frontman dei Queen. Il post è accompagnato anche da un’immagine e qui c’è da fare una precisazione: per quanto somigliante, il tizio nella foto non è Freddie Mercury ma John Blunt, ritenuto il più famoso sosia del cantante. Nonostante molti degli utenti riconoscano che si tratti di una burla, in molti però non si accorgono dell’errore (voluto?) nella scelta dell’immagine. Si dovrebbe perciò parlare di Analfabetismo Funzionale di Secondo livello, ma si rischierebbe di creare un articolo quantomeno pedantesco. Ci basti sapere che il buon Freddie diventa per gli Analfabeti Funzionali il nuovo mostro contro cui vomitare odio e rabbia, un ex parlamentare che guadagna un mucchio di soldi alla faccia di chi non riesce a sbarcare il lunario a fine mese.

E la ex star dei Queen si becca quanto segue nei commenti:

LEGGI ANCHE  I Queen vogliono ripristinare il vitalizio per gli ex parlamentari ma gli Analfabeti Funzionali non ci stanno

Ti è piaciuto l'articolo?
Puoi sostenerci su Patreon o su PayPal, va bene anche una donazione minima come il costo di una grappa!

About Giuseppe

Check Also

Roberto Burioni, AF tentano di metterlo in difficoltà ma finiscono al tappeto

Se c’è una cosa che il virologo Roberto Burioni sa benissimo è che su Internet devi …

Lascia un commento